Autorizzazioni all’esecuzione di opere nei porti da parte dei privati

 

Ai sensi dell’art. 5 comma 5 bis D.lgs. 169/2016 e ss.mm.ii., fatto salvo quanto previsto dalle norme vigenti in materia di autorizzazione di impianti e infrastrutture energetiche, nonché di opere ad essi connesse, l'esecuzione di opere nei porti da parte di privati è autorizzata, sotto tutti i profili rilevanti, in esito ad apposita conferenza di servizi convocata dalla autorità di sistema portuale o, laddove non istituita, dalla autorità marittima, ai sensi dell'articolo 14-quater della legge 7 agosto 1990, n. 241, cui sono chiamate tutte le Amministrazioni competenti.

In caso di dissenso tra le amministrazioni partecipanti alla conferenza dei servizi, si applicano le diposizioni di cui all’articolo 14-quinqiuies della legge 7 agosto 1990, n. 241.

L’Autorità di sistema portuale si è dotata al riguardo di un apposito regolamento di attuazione.

E’ in corso di realizzazione l’inserimento della procedura nel sistema SUAP