Il Porto di Venezia investe nel capitale umano
Il Sistema Portuale veneto investe nel capitale umano.

Il Sistema Portuale veneto, con il suo indotto, lavoro a 21.175 persone.

Portale del lavoro portuale

 

Le imprese che intendono svolgere la loro attività in ambito portuale devono essere autorizzate dall’Autorità di Sistema Portuale. Per poter ottenere l’autorizzazione è necessario presentare istanza all’AdSP. A seconda del tipo di attività che si intende svolgere, dovrà essere presentata una istanza differente.

Lavoro in porto
Lavoro in porto

I soggetti ai quali viene rilasciata autorizzazione per poter operare in ambito portuale sono:

Imprese portuali concessionarie che svolgono, organizzano e gestiscono direttamente, in virtù della titolarità di una concessione demaniale marittima rilasciata ai sensi dell’art. 18 della L. 84/94 e ss.mm.ii. di aree e banchine marittime, l'insieme delle operazioni e dei servizi portuali afferenti il ciclo delle operazioni portuali.

Imprese portuali non concessionarie in conto terzi: i soggetti che, dotati di un complesso strumentale di uomini e mezzi di cui assumono la direzione e responsabilità, espletano, attraverso un contratto di appalto, le operazioni portuali.

Imprese che svolgono particolari servizi portuali specialistici, complementari ed accessori al ciclo delle operazioni portuali rese su richiesta dei soggetti autorizzati allo svolgimento delle operazioni portuali (L’elenco dei servizi è stabilito da ordinanza AdSP).

Imprese che svolgono attività a favore di navi, merci e passeggeri (art.68 Cod.Nav.).

Imprese che svolgono attività di deposito e di manipolazione di merci, in area privata ovvero in area demaniale rientrante in ambito portuale.

Professioni di Addetto, Accompagnatore o Guida Turistica presso il Terminal Passeggeri.

Lavoro temporaneo

 

Visita l'elenco operatori