Investimenti di potenziamento

 

L’incremento dell’incidenza dell’utilizzo della modalità ferroviaria è riconducibile anche agli investimenti dell’Autorità Portuale che ha realizzato l’ampliamento del terminal ferroviario Marghera Scalo (9+7 binari per treni fino a 700m) nonché il raddoppio del binario in via dell’Elettronica a sostegno del Terminal Autostrade del Mare.

Ulteriori sviluppi del trasporto ferroviario conseguiranno dagli altri investimenti programmati entro il 2018 e entro il 2025 e relativi a:

  • il raddoppio dell’innesto di Fusina e il raddoppio del tratto via della Chimica-via dell’Elettricità;
  • la risoluzione delle interferenze tra binari utilizzati per la manovra tra i raccordati e Marghera scalo con quelli della rete ferroviaria nazionale (collegamento Zona Industriale Sud-Marghera Scalo);
  • il completamento dell’infrastruttura dedicata al terminal Autostrade del Mare;
  • l’elettrificazione del secondo binario in entrata alla stazione di Venezia-Mestre;
  • la realizzazione di un nuovo collegamento diretto fra Fusina, la penisola della Chimica-aree Montesyndial e la linea Venezia-Milano, per bypassare il nodo di Mestre;
  • la realizzazione di un parco ferroviario a servizio del nuovo terminal container che sorgerà nell'area ex-Montefibre.

Gli interventi consentiranno di incrementare la capacità della rete, ridurre i tempi delle manovre e ridurre le emissioni stradali, portando benefici sia in termini economici che in termini sociali e ambientali.

Investimenti programmati entro il 2018
Investimenti programmati entro il 2018
Investimenti programmati entro il 2025
Investimenti programmati entro il 2025