Investimenti di potenziamento

 

Il Porto di Venezia ha fatto registrare negli ultimi anni un costante aumento dei traffici ferroviari

Nell’ottica di rispondere in maniera adeguata allo sviluppo dei traffici, in data 08.02.2018, è stato firmato un protocollo d’intesa, fra Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. e l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Settentrionale, relativo a “Interventi di potenziamento infrastrutturale funzionali allo sviluppo del Sistema Portuale del Mar Adriatico Settentrionale”.

Gli interventi individuati nel breve medio periodo

Adeguamento del tracciato ferroviario lungo Via Elettricità

L’intervento, parte dell’Accordo Mise (gennaio 2015), prevede il raddoppio del binario e la riduzione delle interferenze con il sistema stradale, (costo stimato dell'opera 12 milioni di euro).

Ampliamento della capacità disponibile per la stazione di Venezia Marghera Scalo

L'intervento prevede l'elettrificazione e centralizzazione di 7 binari aggiuntivi, l’adeguamento di 4 binari a modulo 750 mt e la realizzazione di un nuovo apparato di comando e controllo centralizzato (il costo stimato dell'opera 13 milioni di euro complessivi).

Rifacimento e centralizzazione del Parco Breda

Il progetto prevede la realizzazione di un fascio comandato tramite l’apparato centrale di Venezia Mestre composto da 7 binari centralizzati, di cui 3 elettrificati e 2 muniti di segnalamento per arrivi e partenze (costo stimato dell'opera  8 milioni di euro).

Nuovo ponte ferroviario per il collegamento diretto tra la dorsale sud-ovest del Porto e la stazione di Venezia Marghera Scalo

L’intervento permetterà di eliminare la doppia manovra dei convogli ferroviari sulla Stazione di Mestre, ottenere molteplici benefici in termini di capacità e sicurezza del sistema portuale e ridurre il numero di interferenze tra rete stradale e ferroviaria e di ridurre i tempi complessivi delle manovre ferroviarie che interessano la parte sud-ovest del porto, ove si genera il 40% del traffico complessivo del porto stesso (costo stimato opera 8 milioni di euro).

Studio di fattibilità del collegamento ferroviario fra il Terminal Portuale del Porto di Chioggia e la linea Rovigo-Chioggia

Interventi nel lungo periodo

Gli interventi individuati nel lungo periodo riguardano la realizzazione di nuove connessioni della rete portuale alla rete ferroviaria nazionale, necessarie per rispondere alle prospettive di sviluppo del porto che vedranno spostarsi a sud il baricentro dei traffici.

A tale scopo sono in corso approfondimenti, in collaborazione con RFI e regione Veneto, per la realizzazione di una nuova connessione multimodale tra la zona sud del porto e la linea ferroviaria Venezia-Padova e il sistema stradale nazionale.

Sono in corso di valutazione anche ulteriori potenziamenti interni alla rete ferroviaria del Comprensorio tesi a completare il raddoppio della linea, ridurre i tempi di manovra e limitare le interferenze con il sistema stradale.