Merci - gru
Il Porto di Venezia vanta oggi diversi primati e ha una collocazione geografica strategica.

Porto di Venezia. Il luogo migliore per cui far transitare le merci, sia in import che in export.

Breakbulk

 
Venezia è uno dei porti europei più importanti nella gestione di break bulk. Ad oggi, infatti, tutte le compagnie di navigazione che trasportano questo tipo di merce toccano il Porto di Venezia, con servizi di linea e non.

Le merci sbarcate sono principalmente prodotti siderurgici importati dall’estero, le cui destinazioni sono per lo più le imprese presenti nel Nord Italia che si occupano della lavorazione del prodotto, mentre gli imbarchi riguardano prevalentemente i Project Cargo, o colli eccezionali, trasportati via terra al Porto di Venezia e diretti verso destinazioni internazionali.
Il primato del Porto di Venezia nei traffici break bulk è determinato da una serie di fattori competitivi che permettono la movimentazione di grossi volumi di traffico, garantendo allo stesso tempo una gestione molto efficiente di tutte le fasi della catena logistica:

  • terminal altamente equipaggiati e tecnologici;
  • expertise degli operatori e know how;
  • ampie aree specializzate nella gestione dei breakbulk;
  • eccellenti connessioni stradali e ferroviarie;
  • intermodalità fluvio marittima;
  • assenza di vincoli infrastrutturali e impedimenti (gallerie, tunnel) che ostacolano il trasporto dei colli eccezionali e dellemerci in generale.

THE ART OF BREAKBULK. SINCE FOREVER

Il Porto di Venezia possiede un’esperienza millenaria nel settore dei breakbulk e dei colli eccezionali in particolare, iniziata già nel 12° Secolo con l'arrivo a Venezia di 3 enormi colonne (fra queste anche la Colonna di San Marco) trasportate via mare a bordo di galere dall'Oriente al ritorno dalle Crociate in Terra Santa.

Il 2016 ha visto il lancio del nuovo marchio "The Art of Breakbulk. Since Forever", costruito attorno a questa esperienza millenaria.

Guarda il video "The art of Breakbulk. Since forever"
 

Breakbulk