Il Porto di Venezia investe nel capitale umano
Il Porto di Venezia investe nel capitale umano.

Il Porto di Venezia, con il suo indotto, lavoro a 16.500 persone.

Porto di Chioggia. Servizi specialistici complementari ed accessori al ciclo delle operazioni portuali (ai sensi dell’art. 16 L. 84/94)

 

Per richiedere l’autorizzazione allo svolgimento di uno o più servizi specialistici complementari ed accessori alle operazioni portuali è necessario presentare all’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale apposita istanza (Clicca qui per scaricare il modulo istanza di autorizzazione) a cui va allegata documentazione elencata nell’istanza.

L’autorizzazione è rilasciata dal Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale previo parere positivo degli organi collegiali, ossia della Commissione ConsultivaLocale e del Comitato Portuale.

L'Autorità di Sistema Portuale, verificata la regolarità della documentazione di cui all’art.3 dell’Ord. 5/2017 (da prodursi in allegato all’istanza) e valutata:

  • la rispondenza dell’organizzazione del soggetto istante all’attività che intende svolgere;
  • il rispetto da parte dello stesso della normativa relativa alla sicurezza sul luogo di lavoro;
  • il possesso di una capacità tecnico-organizzativa adeguata ai servizi offerti

rilascia apposita autorizzazione alle imprese che hanno presentato istanza entro il termine del 23 dicembre del 2017.

Qualora le istanze ricevute entro il termine del 23 dicembre superassero il numero massimo predeterminato, saranno preferite le imprese che possono assicurare un livello di qualità più elevatoa condizioni di prezzo più convenienti per gli utenti.

Le imprese che dovessero presentare istanza oltre il termine suindicato potranno essere autorizzate solo nel caso vi siano ancora posti disponibili per le varie tipologie di servizio al momento della ricezione dell’istanza.

L’autorizzazione ha valenza annuale (anno solare).
All’atto di rilascio dell’autorizzazione verranno fornite apposite credenziali per l’accesso al sistemaLogIS –Modulo Lavoro Portuale, nel quale la ditta è tenuta a comunicare tempestivamente qualsiasimodifica attinente proprio organico societario ed alla propria dotazione di mezzi operativi. Attraverso il LogIS la ditta provvederà a richiedere i permessi di accesso in area portuale.

Riferimenti Normativi

  • Decreto Ministeriale n. 585/1995 – Regolamento recante la disciplina per il rilascio, la sospensione e la revoca delle autorizzazioni per l’esercizio di attività portuali;
  • Ordinanza n. 05/2017 – Regolamento per l’esercizio dei servizi portuali riferiti a prestazionispecialistiche, complementari e accessorie al ciclo delle operazioni portuali da rendersi ai soggetti autorizzati allo svolgimeto delle operazioni portuali – PORTO DI CHIOGGIA