Al vertice del mare Adriatico. All’incrocio dei principali corridoi di trasporto europei. Nodo delle Autostrade del Mare.

Il Porto di Venezia si candida come gateway europeo per i flussi commerciali da e verso l’Asia.

Interventi infrastrutturali

 

Interventi programmati e in corso

L’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale è costantemente impegnata nel mantenere, rilanciare e promuovere le infrastrutture del Porto di Venezia con interventi che ne favoriscono lo sviluppo e ne valorizzano le potenzialità e specificità.
Tutti i lavori realizzati in ambito portuale, opportunamente integrati, non solo potenziano l’offerta portuale, ma anche facilitano la sostenibilità ambientale e la creazione di nuova occupazione.
In particolare, gli ambiti di intervento riguardano:

  • la viabilità/accessibilità;
  • il banchinamento e marginamento di alcune aree;
  • la sicurezza idraulica;
  • l’adeguamento e il potenziamento degli impianti elettrici e di illuminazione.

Interventi avviati a partire dal 2005

Negli ultimi 10 anni l'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale ha posto in essere un gigantesco “revamping” dell’enorme patrimonio infrastrutturale di Marghera, quella che è ancora una delle aree portuali e industriali più grandi e meglio attrezzate d’Europa.
Dal 2005 al 2015 sono stati investiti infatti 525 milioni di euro in gran parte proveniente da risorse dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, ma anche dallo Stato, dall’Unione Europea e dai privati che hanno concordato forme varie di partnership pubblico-privato:
•    232 milioni di euro per l’escavo dei canali portuali
•    293 milioni di euro per il potenziamento delle infrastrutture sia stradali che ferroviarie.

Interventi avviati nel periodo 2005-2015
Interventi avviati nel periodo 2005-2015