Immagine 1c

 

Richiesta del presidente della Fondazione Opera Santa Maria del Porto, il Vescovo ausiliare di Venezia Augusto Gianfranceschi, al Provveditore al Porto di Venezia di poter costruire a Porto Marghera il centro Mariport e una chiesetta votiva “[…] che ricordi ed onori i portuali e i marittimi morti nell’adempimento del dovere”. Dalla lettera si possono comprendere le difficili situazioni in cui vivevano e lavoravano i portuali e lo stato di abbandono in cui versava la zona carente pure dei servizi minimi. Negli spazi dove sarebbe sorto il centro esistevano delle baracche in legno e muratura che saranno poi abbattute e spostate in altro luogo come da richiesta del Vescovo.

Immagine 1c