Il Presidente dell' Autorità di Sistema Portuale interviene al Convegno "L’Italia prima. Nel mare – La “blue economy” motore di sviluppo nel Mediterraneo"

 
Giovedì
19
Set
2019

Nell'ambito della 83a fiera del Levante di Bari il Presidente dell'AdSP MAS, Pino Musolino, interviene nel forum internazionale L’ITALIA PRIMA. NEL MARE – La “blue economy” motore di sviluppo nel Mediterraneo"
 
Il forum internazionale dedicato al tema della Blue Economy, rappresenta un'importante occasione di confronto sulle strategie per lo sviluppo sostenibile dell'economia del mare e sul potenziale derivante dalla "Blue Growth" per i territori.
 
L'evento vede la partecipazione di esperti del settore, rappresentanti di istituzioni italiane, di associazioni attive nel settore marittimo-portuale, nonché di rappresentanti dei Paesi dell'ampio Bacino del Mediterraneo e della Penisola Araba che potranno presentare le proprie politiche di sviluppo nel campo della Blue Economy e le opportunità di collaborazione.
 
Al centro delle riflessioni e delle proposte, il Mar Mediterraneo, che torna a essere "Mare Nostrum", cuore degli scambi economici tra i Paesi che vi si affacciano, in un nuovo contesto di sviluppo sostenibile.
 
La sessione pomeridiana, "ZES, Blue Economy e Blue Growth: opportunità, prospettive di sviluppo, competitività", vedrà l'intervento del Presidente Musolino sull'importanza delle ZES (Zone Economiche Speciali) come motore di sviluppo.

Abstract dell'intervento del Presidente Musolino

Le rivoluzioni geo-economiche globali hanno riportato al centro dello scenario mondiale il Mediterraneo. In questo senso, i Sistemi portuali nazionali possono accrescere ulteriormente il proprio ruolo naturale di gateway commerciali in grado di connettere l’Italia e l’Europa al mondo; un ruolo tanto più importante per quei sistemi portuali che sostengono i tessuti produttivi e manifatturieri nazionali vocati all’export.

Per rendere concreta tale opportunità, è necessario garantire maggiore efficienza non solo ai sistemi portuali ma all’intera catena logistica e al tessuto produttivo.

In questo senso la creazione di ZES è uno strumento molto utile dato che potrebbe comportare rilevanti benefici economici, amministrativi, burocratici e di sicurezza.

Ma se la creazione di ZES è certamente una opportunità non è tuttavia la panacea di tutti i mali, e per questo va inquadrata nella prospettiva di un continuo processo di “re-shoring” e implementazione.

Parallelamente, vanno implementate e aggiornate tutte le infrastrutture – materiali e immateriali – ma anche e soprattutto le normative che possono contribuire ad aumentare l’efficienza operativa e logistica del Sistema Paese.

Solo così l’Italia può approfittare delle opportunità associate alle connessioni marittime lungo la Via della Seta, così come ai traffici intra-mediterranei, con particolare attenzione per le Autostrade del Mare, facendo della blue economy un motore di sviluppo per il sistema logistico e produttivo del Paese

La blue economy nel Mediterraneo
La blue economy nel Mediterraneo