Il Porto premiato dall’UNICEF come sostenitore del progetto ”L’Alfabeto di Porto Marghera”

 
Martedì
29
Ott
2019

Il progetto, avviato in gennaio scorso dal “Comitato love Marghera forever”,  ha coinvolto 600 studenti delle scuole primarie del territorio, artisti e imprenditori per rappresentare una nuova realtà cittadina, produttiva, di servizi e anche ambientale per Marghera.

Ne sono scaturiti 21 quadri, uno per ciascuna lettera dell’alfabeto, tra i quali la “P” di Porto è stata realizzata da una giovane talentuosa dell’Accademia delle Belle Arti di Venezia, Irene Di Oriente, che ha ben interpretato un tema di estrema attualità “quello dello sviluppo sostenibile”, raccogliendo gli stimoli ricevuti dai piccoli studenti che hanno partecipato ad un tour didattico delle aree portuali che si è tenuto quest’estate a cura dello staff dell’Area Promozione dell’ente portuale. Il quadro ritrae infatti un Porto commerciale e industriale pienamente sostenibile dove le attività produttive e logistiche in prossimità del mare convivono con una flora e una fauna lagunare (pesci e volatili) coloratissima, le cui cromie sono talmente vivaci da vivificare tutto il territorio in cui il Porto è inserito.

Il progetto aveva ricevuto il riconoscimento del Festival dello Sviluppo Sostenibile promosso da Asvis e ha visto anche il riconoscimento dell’UNICEF che oggi presso il museo M9 ha consegnato i “diplomi di merito” a tutti i sostenitori. Tra le Autorità presenti che sono state premiate, oltre all’ente portuale rappresentato da Federica Bosello, Responsabile Promozione, Comunicazione e Rapporti Istituzionali, per il Comune di Venezia l’Assessore all'Urbanistica e Ambiente, Massimiliano de Martin, e il Presidente della Municipalità, Gianfranco Bettin.

La premiazione
La premiazione

La premiazione
La premiazione