Gara pubblica relativa all'appalto di lavori relativi al Terminal Autostrade del mare collegamento ferroviario e opere complementari

 
Data di scadenza: 24/04/2014
Data documento: 25/03/2014

Struttura competente
Direzione Tecnica

Contatti Ente Appaltante
Tel. (+39) 0415334234- 0415334218
fax (+39) 0415334254
email apv@port.venice.it.

Breve descrizione della gara:
Lavori per la realizzazione di una nuova rotatoria in Via dell’Elettronica, riqualificazione di un tratto di Via dei Cantieri, lavori di adeguamento funzionale di tratto esistente e di realizzazione di un nuovo tratto di linea ferroviario per il collegamento con il Terminal Autostrade del Mare a Porto Marghera.

Estremi di pubblicazione
Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana V - serie speciale n. 35 del 26.03.2014

Termine di ricezione delle offerte
24.04.2014, h. 12:00.

Data di apertura delle offerte
28.04.2014, h. 09:00.

Criterio di aggiudicazione
Criterio del prezzo più basso

Chiarimenti

DOMANDA 1
Poiché nel bando è prevista l'esclusione automatica, con possibilità di chiedere i giustificativi, il criterio di aggiudicazione è con le medie o al massimo ribasso?

RISPOSTA 1
Il criterio di aggiudicazione della gara è quello del "prezzo più basso determinato mediante offerta a prezzi unitari" così come previsto dall'art. 82. comma III. Si procederà all'esclusione automatica delle offerte anormalmente basse individuate con il criterio di cui all'art. 86 comma I che prevede: "La stazione appaltante valuta la congruità delle offerte che presentano un ribasso pari o superiore alla media aritmetica dei ribassi percentuali di tutte le offerte ammesse con esclusione del dieci per cento, arrotondato all'unità superiore, rispettivamente delle offerte di maggior ribasso e di quelle di minor ribasso, incrementata dello scarto medio aritmetico dei ribassi percentuali che superano la predetta media".
In ogni caso, ai sensi dell'art. 86 comma III, "la stazione appaltante potrà valutare la congruità di ogni altra offerta che, in base ad elementi specifici, appaia anormalmente bassa".

DOMANDA 2
"L'operatore economico che è in possesso della categoria OG3 IV e OG6 III può partecipare alla gara ed essere ammesso dichiarando che, in caso di aggiudicazione, subappalterà la restante parte della categoria OG 6?

RISPOSTA 2
Il soggetto giuridico che dimostri di possedere la categoria prevalente OG3 IV classifica e OG6 II o III può partecipare alla gara d'appalto dichiarando che, nel caso di aggiudicazione, subappalterà la restante parte di categoria OG 6; oppure in alternativa potrà costituire un'ATI con altro soggetto in possesso della categoria scorporabile e della relativa classifica richiesta dal bando di gara.

DOMANDA 3
"Richiesta di chiarimento in merito alla modalità di aggiudicazione della suddetta procedura, in riferimento a quanto riportato a pagina 7, punto 15 rubricato "Criterio di aggiudicazione" del bando di gara ed a pagina 8, punto 2 rubricato "Procedura Aggiudicazione" del disciplinare di gara. Si conferma che l'aggiudicazione della gara avverrà con l'esclusione automatica delle offerte anomale così come disciplinata dall'art. 122, comma 9 del D.lgs. n. 163/2006"?

RISPOSTA 3
Il criterio di aggiudicazione della gara è quello del "prezzo più basso determinato mediante offerta a prezzi unitari" così come previsto dall'art. 82 comma 3.
Ai sensi dell'art. 26 del D.L. n.69/2013, convertito in L. n.98/2013, che ha modificato l'art. 253 comma 20-bis del D.lgs. n.163/2006, l'Autorità Portuale applicherà le disposizioni di cui all'art.122 comma 9 del codice, procedendo con l'esclusione automatica delle offerte che presentino un ribasso pari o superiore alla soglia di anomalia, determinata con il criterio di cui all'art. 86 comma 1 D.lgs. n. 163/2006.  

DOMANDA 4
Si conferma che i soggetti indicati nell'art.38 comma 1 lett. b del D.lgs. n. 163/2006 debbano rendere le dichiarazioni contenute nel modello 1/a, così come previsto dal disciplinare di gara al punto A.4) e che la nota riportata in calce al modello 1, la quale testualmente prevede che "le attestazioni di cui ai punti 3), 4) 5), 15) e 17) devono essere rese da ciascuno dei soggetti indicati nell'art. 38, comma 1, lett. b) del D.lgs. n. 163/2006 utilizzando il "Modello 1-a)" riporti al suo interno come mero refuso di stampa i punti 15 e 17?

ROSPOSTA 4
- Si conferma che i soggetti previsti dall'art. 38 comma 1 lett. b) del codice degli appalti pubblici devono rendere le dichiarazioni di cui al modello 1/a;
- si conferma che il richiamo nella nota 2 del modello 1-a) ai punti 15) e 17) costituisce un refuso di stampa.