I CENTRI DI ISPEZIONE DEL PIF DI VENEZIA

 

Il Porto

Il centro di ispezione portuale è stato realizzato dall’Autorità Portuale di Venezia ed è stato inaugurato urato nel 2013. E’ una struttura moderna e in linea con gli standard più restrittivi imposti dalla Unione Europea  in grado di garantire  il mantenimento e lo sviluppo, in ambito portuale, delle importazioni di prodotti di origine animale e mangimi.

Il centro di ispezione si trova  all’interno del terminal container Vecon SpA nel porto commerciale di Marghera.  La  struttura è dotata di  reception per gli spedizionieri doganali, uffici, aree di scarico coperte e isolabili dall’ambiente esterno, sale di ispezione e locali per  il deposito temporaneo  di alimenti, mangimi  e di sottoprodotti, sia a temperatura ambiente che controllata.

Ingresso uffici del Centro di Ispezione Portuale
Ingresso uffici del Centro di Ispezione Portuale
Area di scarico prodotti alimentari del Centro di Ispezione Portuale
Area di scarico prodotti alimentari del Centro di Ispezione Portuale
La sala visita del centro di ispezione portuale
La sala visita del centro di ispezione portuale
Particolare della sala visita prodotti alimentari del PIF aeroportuale
Particolare della sala visita prodotti alimentari del PIF aeroportuale

L’aeroporto di Venezia Tessera

Il posto di ispezione aeroportuale è dislocato presso il terminal merci dell’aeroporto Marco Polo di Venezia di Venezia.  Il PIF aeroportuale è abilitato al controllo dei prodotti alimentari imballatirefrigerati, congelati e a temperatura ambiente. E’ inoltre abilitato al controllo sanitario di mangimi e sottoprodotti di origine animale  conservabili a temperatura ambiente o di refrigerazione.   

E’ comunque possibile importare   in deroga alle abilitazioni possedute dal PIF aeroportuale, seme ed  embrioni animalisottoprodotti o emoderivati di origine animale congelati, purché il trasporto di tali partite avvenga a temperatura ambiente in confezioni o contenitori sigillati, con autoregolazione della temperatura interna.

L’aeroporto così come il porto non sono abilitati al controllo sanitario delle importazioni commerciali di animali vivi.

Non sono pertanto consentite le  importazioni  da paesi terzi di animali vivi a meno che questi non abbiano già  effettuato uno scalo in un porto o aeroporto comunitario  abilitato e siano stati visitati con esito favorevole in un PIF abilitato .   

Il Porto di Chioggia

Il porto di Chioggia non possiede alcuna struttura abilitata al controllo di animali e prodotti derivati. Ai sensi del Decreto Legislativo numero 223 del 17 Giugno 2003 il porto di Chioggia , già abilitato ai controlli fitosanitari ai sensi del Decreto del Ministero delle Politiche Agricole 31 Gennaio 1996, è stato abilitato al rilascio di nullaosta veterinario per mangimi e altri prodotti destinati all’alimentazione animale.  
L’azienda Speciale per il porto di Chioggia ha messo a disposizione del PIF di Venezia una struttura dotata di ufficio,locale spogliatoio dotato di servizi  e di una sala visita per la preparazione di campioni ufficiali.