Al vertice del mare Adriatico. All’incrocio dei principali corridoi di trasporto europei. Nodo delle Autostrade del Mare.

Il Sistema Portuale Veneto si candida come gateway europeo per i flussi commerciali da e verso l’Asia.

Bonifica e riqualificazione ambientale a Val da Rio – porto di Chioggia

 

A seguito del D.Lgs. n. 169 del 4 agosto 2016, con la costituzione dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale le aree dell'ex Autorità Portuale di Venezia sono state accorpate a quelle del porto di Chioggia.

Uno dei primi interventi gestiti dall'AdSPMAS presso il Terminal Fluvio Marittimo in val da Rio di Chioggia è stata la bonifica e riqualificazione ambientale delle aree inerenti alla realizzazione delle banchine a-b.

L'intervento, avviato con la progettazione preliminare nel 2007, ha visto la conclusione della progettazione esecutiva nel 2016, passando per l'approvazione del progetto definitivo da parte di apposita conferenza di servizi e verifica dell'Organismo d'ispezione RINA Check.

Immagine dell'area interessata dall'intervento
Immagine dell'area interessata dall'intervento

L’opera, attualmente in corso di esecuzione, prevede il trattamento e recupero dei materiali presenti nell'ex discarica e la successiva realizzazione di sottofondi per destinare le aree ad attività portuali.

Il processo di bonifica, studiato dall'Università di Padova, viene effettuato in situ con tecniche che permetteranno la separazione dei rifiuti presenti e il recupero come materia prima secondaria da riutilizzare in loco e anche esternamente al cantiere con diversi impieghi: recupero energetico, recupero del ferro e materiali inerti da utilizzare per riempimenti, colmate e sottofondi.

Immagine dell'area interessata dall'intervento
Immagine dell'area interessata dall'intervento

Il costo per l'esecuzione dell'intervento ammonta a complessivi € 35.000.000,00 finanziati con Accordo di Programma Quadro del 3 dicembre 2014 tra: Regione Veneto, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e il Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica, integrato dalla nomina del Commissario Straordinario alle Bonifiche Generale B. CC Giuseppe Vadalà in ossequio a quanto disposto dall’Agenzia per la Coesione Territoriale con nota prot. n.AICT 10589 del 15-12-2017