Affidamento in concessione mediante finanza di progetto per la progettazione, costruzione e gestione economico-funzionale dell'implementazione di un sistema sperimentale di alimentazione fotovoltaica

 
Affidamento in concessione mediante finanza di progetto per la progettazione, costruzione e gestione economico-funzionale dell'implementazione di un sistema sperimentale di alimentazione fotovoltaica sul sentiero luminoso del canale Malamocco-Marghera a Venezia
Data di scadenza: 11/07/2014
Data documento: 22/04/2014

Amministrazione aggiudicatrice:
Autorità Portuale di Venezia
Santa Marta, Fabbricato 13 - 30123 Venezia (VE)
 
Punti di contatto:
tel: 041/533.45.33
fax: 041/533.42.54
email: apv@port.venice.it
PEC: autoritaportuale.venezia@legalmail.it
 
Responsabile unico del procedimento:
Dott. Ing. Nicola Torricella
(Direttore Tecnico dell'Autorità Portuale di Venezia)
 
Termine per il ricevimento delle offerte:
11.07.2014 h. 12.00
 
Data di apertura delle offerte:
 15.07.2014 ore 09.00

Documentazione di gara:
1) bando di gara
2) disciplinare di gara

Date del sopralluogo obbligatorio:
20.05.2014, 03.06.2014 e 17.06.2014 alle ore 10.00
 

Chiarimenti

DOMANDA 1: Richiesta di conferma del numero preciso e dell'identificativo degli steli da considerare oggetto della concessione. Nell'Elaborato "EL09 - computo e analisi prezzi con quadro incidenza manodopera r1 12.10.13'' risultano 345 steli + 2 steli a luce gialla in curva di San Leonardo per un totale di 347 steli, mentre nell'elaborato "EL02.D02 - Posizionamento Utenze r0 17.12.12'' sono indicati 359 steli.
RISPOSTA 1: Si precisa che complesivamente gli steli presenti lungo il sentiero luminoso sono n. 3598, di cui n. 14, indicati come steli sperimemntali nell'elaborato EL02.D02, sono esclusi dalla concessione in oggetto. Complessivamente gli steli da tenere in considerazione sono pertanto n. 345+2 steli a luce gialla presenti in curva di San Leonardo, come indicato nell'elaborato EL09.

DOMANDA 2: Richiesta di conoscere la sigla identificativa dei pali sui quali sono stati installati i led sperimentali già in campo (rif. elaborato n. EL 02D02)
RISPOSTA 2: I led sperimentali sono stati installati sui seguenti steli:

  • dal n. 25 al n. 32
  • n. 22

Si precisa che le lampade presenti in sito e relative alla sperimentazione sono alimentate a energia elettrica.

DOMANDA 3: Richiesta circa il chiarimento dei "requisiti di progettazione"
RISPOSTA 3: Preliminarmente occorre segnalare che in relazione alle modalità di definizione dei requisiti di progettazione per la partecipazione alle gare, il riferimento alla tabella delle classi e categorie di cui all’articolo 14 della legge n. 143 del 1949 non è più possibile. A seguito dell’articolo9 commi 1 e 4 del decreto-legge 24 gennaio, n. 1 convertito dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, infatti, sono state abrogate sia le “tariffe delle professioni regolamentate del sistema ordinistico” che le “disposizioni vigenti che, per la determinazione del compenso del professionista, rinviano” alle tariffe stesse. In data 20/12/2013 è stato pubblicato in GU il nuovo DM 31 ottobre 2013 n. 143 (decreto parametri-bis). Il suddetto decreto individua i parametri per la determinazione del corrispettivo da porre a base di gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi relativi all'architettura ed all'ingegneria di cui al D.Lgs. 163/2006
Tale DM 31 ottobre 2013 contiene, nella tavola Z-1 “CATEGORIE DELLE OPERE – PARAMETRO DEL GRADO DI COMPLESSITA’ – CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI E CORRISPONDENZE”, le corrispondenze tra le classi e categorie di progettazione di cui all’abrogata Legge n. 143/1949 e le categorie di cui al nuovo DM 31 ottobre 2013, n. 143. Nessuna corrispondenza diretta è invece stabilita a livello normativo tra le categorie di opere generali e specializzate di cui all’allegato A del D.P.R. n. 207/2010 e le categorie di progettazione sia dell’abrogata Legge n. 143/1949, che del vigente D.M. 31.10.2013, n. 143. Con riferimento all’opera o lavoro oggetto dell’affidamento posto in gara, per l’individuazione delle classi e categorie, di cui alla tabella dell’articolo 14 della legge n. 143 del 1949, dei progetti che i concorrenti hanno redatto in passato, che consentono loro di dimostrare il possesso dei requisiti e, quindi, di partecipare alle gare, attualmente, è necessario fare riferimento all’opera o al lavoro oggetto dell’affidamento posto in gara, scomporlo nelle categorie previste dal DM 31.10.2013, n. 143 e vedere a quali delle classi e categorie della tabella dell’art. 14 della legge n. 143 del 1949 corrispondono.
Alla luce di quanto sopra esposto, si ritiene che, con riferimento all’opera  oggetto della concessione di costruzione e gestione di cui all’oggetto, la stessa possa essere scomposta nelle seguenti categorie previste dal D.M. 31.10.2013, n. 143: -   IMPIANTI – Impianti  elettrici e speciali a servizio delle costruzioni, singole apparecchiature per laboratori ed impianti pilota, comprendenti gli “impianti fotovoltaici a corredo di edifici e costruzioni sia di importanza corrente che complessi”
 A tale categoria di cui al D.M. 31.10.2013 n. 143, corrisponde, secondo la tavola Z-1 “CATEGORIE DELLE OPERE – PARAMETRO DEL GRADO DI COMPLESSITA’ – CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI E CORRISPONDENZE”, dello stesso decreto, la classe III categoria C dell’abrogata Legge n. 143 del 1949. I concorrenti dovranno quindi dimostrare il possesso dei requisiti di progettazione di cui al bando ed al disciplinare di gara, facendo riferimento a pregresse progettazioni classificabili nella classe III, categoria C della tabella di cui all’art. 14 dell’abrogata Legge n. 143 del 1949

DOMANDA 4. "Si chiede conferma che la previsione di cui a pag. 40 del disciplinare, punto g), nelle more dei tempi previsti per la stipula del contratto di finanziamento, possa essere ampliata consentendo dunque la presentazione, ad esempio, di una dichiarazione da parte della società Holding del gruppo di appartenenza, abilitata a svolgere le operazioni di finanziamento infragruppo, contenente l'impegno irrevocabile a mettere a disposizione del concorrente le risorse necessarie a realizzare l'intervento sulla base del contenuto"

RISPOSTA 4 "Il disciplinare di gara al punto g) a pagina 40 prevede che il “coinvolgimento di cui alla precedente lettera e) è dimostrato dalla presentazione di una dichiarazione, allegata all’atto di asseverazione sottoscritto dalla Banca che ha rilasciato l’atto di asseverazione, oppure da altro soggetto abilitato a svolgere operazioni di finanziamento, contenente l’impegno irrevocabile a mettere a disposizione del concorrente le risorse necessarie a realizzare l’intervento sulla base del contenuto, espressamente dichiarato conosciuto, dello schema di convenzione e del Piano Economico Finanziario”.Vi confermiamo che la previsione di cui sopra consente la presentazione della dichiarazione contenente l’impegno irrevocabile di mettere a disposizione del concorrente le risorse necessarie a realizzare l’intervento anche da parte di altri soggetti abilitati a svolgere operazioni di finanziamento tra i quali, a titolo esemplificativo può essere ricompresa una società Holding del Gruppo di appartenenza abilitata a svolgere le operazioni di finanziamento infragruppo."